L’Australia invasa dai cammelli

cammelliSe vi dicessimo che il fenomeno della moltiplicazione dei cammelli, l’animale per eccellenza del deserto sahariano, è uno dei problemi che tiene più sulle spine il governo australiano, voi ci prendereste per pazzi?

Prima di continuare, e raccontarvi di come l’uomo, con i suoi spostamenti lungo il globo, sia riuscito a rivoluzionare interi ecosistemi, però una domanda ve la facciamo noi: sapevate che in Australia ci sono i cammelli?

Giusto per sottolinearlo: non si tratta di animali autoctoni.

I cammelli, anzi, 20mila cammelli, hanno viaggiato dall’Africa all’Australia nel 1840. I colonizzatori pensarono che non c’era animale migliore per trasportare merci pensanti nell’ outback australiano (deserto australiano).

Oggi, a distanza di 150 anni, il cammello è invece il nemico pubblico numero uno del governo australiano perché continua a riprodursi ed, entro la fine di questo decennio, la sua popolazione potrebbe raggiungere il milione di individui, mettendo a dura prova la sopravvivenza dell’ecosistema del cuore rosso australiano.

Negli anni, per tenere a bada questa crescita incontrollata, si è avviato un programma di culling (abbattimento mirato), che seppur controverso è riuscito a tenere sotto controllo le mandrie che vivono in libertà.

Recentemente il governo però, per mancanza di fondi, ha dovuto dare una botta d’arresto a questo abbattimento sistematico, ma resta il problema, perché ognuno dei 750mila animali che si muovono nel deserto mangia 15 chili di fogliame al giorno e si abbevera alle poche sorgenti d’acqua, fonti preziosissime e sacre per le comunità aborigene.

Prima di chiudere questo posto un’ultima nota. Ormai, la carne di cammello, in Australia, è diventata popolare quasi quanto quella di coccodrillo e quella di canguro e il mercato che vi ruota attorno è di quasi 580 milioni di euro. Ha l’aspetto del manzo, ma il sapore si avvicina di più a quello del cavallo. Se i vostri peregrinaggi vi porteranno fino a Sidney ordinate quindi il  camel-burger, è d’obbligo.

Annunci

Un pensiero su &Idquo;L’Australia invasa dai cammelli

  1. Pingback: Piatti tipici del bush tucker | Angloamerican Studio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...