Da Londra a New York in auto o in treno: sembra uno scherzo, invece è la realtà

150325102725-trans-siberian-road-map-exlarge-169-500x281L’Orient Express è rimasto nell’immaginario romantico di molti di noi grazie ad Agatha Christie che, nel viaggio che collegava Parigi a Costantinopoli, raccontò di un omicidio dal quale solo Poirot seppe levare il velo del mistero. Ma il fascino di quel percorso, lungo chilometri e chilometri ha sempre affascinato i viaggiatori.

Oggi, per gli amanti degli spostamenti in treno, arriva una nuova proposta che, sul Globo, fa un percorso che riguarda l’altra parte dell’Emisfero.

Se dunque vi dicessimo che presto sarà possibile spostarsi da Londra a New York, in alcune ore, a bordo di un treno capace di attraversare ben due continenti affacciandosi su ogni tipo di paesaggio, pensereste a salire su un treno del genere?

Vladimir Yakunin, il presidente delle Ferrovie Russe, ha partorito la “folle” idea di un’autostrada che colleghi il Vecchio al Nuovo continente e lo ha presentato alla Russian Academy Science di Mosca, raccontando di questa autostrada, a dir poco mastodontica, che potrà essere in grado di collegare la capitale inglese alla Grande Mela.

Il progetto prevede che la titanica autostrada venga affiancata da una rete ferroviaria ultramoderna che attraversi l’Europa, l’Asia, le acque del canale di Bering, fino ad approdare nell’impervio territorio dell’Alaska, per terminare la sua corsa sulla costa est di New York: un percorso lungo quasi 20 mila chilometri.

Si tratterebbe dell’autostrada, nonché della ferrovia, più lunga al mondo che andrebbe a raddoppiare il record di quasi 10 mila chilometri di lunghezza, detenuto attualmente dalla ferrovia Transiberiana.

Un tragitto di questo tipo farebbe la felicità di quanti, stanchi della frenesia che caratterizza il ventunesimo secolo, preferiscono viaggiare alla vecchia maniera, ammirando la bellezza dei paesaggi che cambiano sotto i propri occhi.

Certo, oltre ad essere il più lungo percorso autostradale e ferroviario mai costruito, sarebbe anche quello più oneroso dal punto di vista economico. I costi non sono ancora stati rivelati, ma si parla già di trilioni di dollari (neanche a dirlo).

L’unico a non preoccuparsi di questo aspetto è proprio Yakunin che, ottimisticamente, ha detto che si tratta solo di riadattare qualche strada.

Sognare non costa nulla e se qualcuno lo fa per noi è ancora meglio.

Chissà che un giorno su quella autostrada, per ora solo immaginata, non si riesca a viaggiare davvero.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...