Un salto in Australia alla scoperta di Uluru

uluruNon potete dire di aver visitato l’Australia se non avete fatto almeno una tappa nell’Outback. La parola in sé indica genericamente le aree interne, più remote e semidesertiche del continente australiano. Ma sono tanti i nomi con cui australiani e non indicano la meravigliosa regione centrale del continente: Red Center, Cuore rosso d’Australia, il Back of Beyond (dietro l’oltre) e il Never never, giusto per dirne solo alcuni.

La particolarità dei luoghi è data dal colore rosso, conferito al terreno dall’alta presenza di ferro, il silenzio, gli spazi aperti che sembrano non finire mai. Tutti da esplorare a bordo di un fuoristrada (riflettendo lo spirito pionieristico con cui è giusto affrontare l’esplorazione della zona, per scoprire l’identità unica dell’Australia), interessanti formazioni rocciose e gole spettacolari. Anche se per i turisti sono stati pensati avvisi e segnaletiche che indicano l’inizio o la fine dell’outback, in realtà questa regione non ha confini precisi, perché è una regione più ideale che geografica. Continua a leggere

Royal Flying Doctor Service

The Royal Flying Doctor Service of AustraliaIn Australia esiste un servizio di aeroambulanza – chiamato Royal Flying Doctor Service, ma più comunemente noto come “The Flying doctors” – nato per soccorrere gli abitanti delle regioni più remote dell’Australia.

Si tratta di un’organizzazione no-profit che nel 1928 attivò il servizio di assistenza e prime cure (per chi – a causa delle distanze – non può con facilità e tempestività raggiungere un ospedale).

Continua a leggere

Australia in 10 record e stranezze

australiapecoreL’Australia in 10 punti. Abbiamo cercato di sintetizzare per voi le stranezze, le curiosità e i record più interessanti che questo Paese può vantare.

Continua a leggere

Il dollaro di plastica? E’ australiano

dollariSe avete la buona abitudine di svuotare le tasche dei vostri jeans prima di infilarli in lavatrice non siete tra quelli che hanno perso decine di euro per disattenzione. I nostri soldi di carta si distruggono letteralmente a contatto con l’acqua, come è giusto che sia.

Se viveste dall’altro capo del mondo il problema non esisterebbe, neanche se foste dei surfisti e non aveste un posto sicuro in spiaggia dove lasciare le vostre banconote.

Perché in Australia, i dollari, che nello slang vengono chiamati bucks, sono fatti di plastica.

Continua a leggere

L’Australia invasa dai cammelli

cammelliSe vi dicessimo che il fenomeno della moltiplicazione dei cammelli, l’animale per eccellenza del deserto sahariano, è uno dei problemi che tiene più sulle spine il governo australiano, voi ci prendereste per pazzi?

Prima di continuare, e raccontarvi di come l’uomo, con i suoi spostamenti lungo il globo, sia riuscito a rivoluzionare interi ecosistemi, però una domanda ve la facciamo noi: sapevate che in Australia ci sono i cammelli?

Giusto per sottolinearlo: non si tratta di animali autoctoni.

I cammelli, anzi, 20mila cammelli, hanno viaggiato dall’Africa all’Australia nel 1840. I colonizzatori pensarono che non c’era animale migliore per trasportare merci pensanti nell’ outback australiano (deserto australiano).

Continua a leggere

Il Visto per andare in australia

vistoAvete deciso di volere passare un periodo più o meno lungo in Australia, ma non sapete quali sono i documenti necessari per intraprendere questo viaggio, fatta eccezione per il passaporto; ecco di seguito l’elenco di quello che potrebbe servirvi a seconda di quello che volete fare in questo “nuovo mondo”.

Se il vostro viaggio ha fini formativi, allora vi è necessario lo Student Visa, ovvero il visto che vi permette di rimanere in Australia per la durata del corso di studio che avete scelto, sia che si tratti di un corso universitario, sia che si tratti di un corso di lingua. Questo tipo di Visto vi darà inoltre la possibilità di lavorare alcune ore al giorno per permettervi di guadagnare tanto da potervi permettere qualche spesa in più durante il soggiorno. Per ottenere questo visto servono 550 dollari australiani, ovvero circa 400 euro.  Continua a leggere